Torna al Blog
08/01/2021

Un cinema per piccoli naturalisti... dal divano di casa \ Uno spettacolo da scoprire ad occhi chiusi

Ed eccoci al sesto appuntamento con “Un cinema per piccoli naturalisti... dal divano di casa”! Per starvi vicini in questi giorni di isolamento, abbiamo scelto di raccogliere le più belle webcam naturalistiche, per offrire ai bambini piccole finestre sul mondo, dalle quali osservare il comportamento della fauna e habitat lontani, facendo la conoscenza di animali meravigliosi.

Per l'ultimo appuntamento, abbiamo scelto qualcosa di speciale: non una webcam da osservare con gli occhi, ma una biblioteca virtuale che racchiude i suoni di tantissime foreste! Si intitola Sounds of The Forest e potrà farvi passare dalla Norvegia al Brasile in meno di un secondo. Trovate il link cliccando qui.

I creatori di Sounds of The Forest descrivono così il loro progetto: "Stiamo raccogliendo i suoni dei boschi e delle foreste da tutto il mondo, creando una mappa sonora opon source in crescita che riunisce i toni e le trame acustiche dei boschi del mondo". Che differenze trovate tra i suoni del Bosco Ficuzza in Sicilia e quelli della Foresta Amazzonica? Riuscite a riconoscere alcuni animali? Distinguete il gorgogliare dell'acqua nell'area umida del Parco nazionale del Denali in Alaska? E avete mai sentito un canto come quello registrato sulle isole Auckland? Si tratta del verso di un Campanaro della Nuova Zelanda.  L'esploratore James Cook fu tra i primi europei ad ascoltare il suo canto: "Fui svegliato dal canto degli uccelli sulla spiaggia, da cui noi distiamo quasi un quarto di miglio. Erano sicuramente in tanti. Sembrava che sforzassero le loro gole per rivalità, e forse emettevano la musica più melodiosa che io abbia mai sentito, che imitava quasi quella dei campanelli, ma con il più armonioso suono argenteo che si possa immaginare, al quale la distanza contribuiva non poco".

Purtroppo, la deforestazione e il consumo di suolo mettono a rischio gli ambienti meravigliosi che potrete esplorare attraverso questo portale sonoro e danneggiano le specie che li abitano. Speriamo che la bellezza di questi suoni e delle webcam delle settimane passate abbia trasmesso a grandi e piccini il valore insostituibile della Natura!